VAL 23 SAN GIUSEPPE – VIA S. CARLO 11, CASATENOVO – località RIMOLDO

VAL23-1
Il fronte interno della Curt di Maluritt con il portico con la nicchia di S. Giuseppe e la Madonna

VAL23-2
L’immagine di S. Giuseppe con il Bambino
ID SCHEDA VAL 23
LOCALITA’ RIMOLDO di CASATENOVO
UBICAZIONE VIA S. CARLO 11 (Curt di Malurìtt)
COLLOCAZIONE SOTTO IL PORTICO PRINCIPALE
TIPOLOGIA STATUA IN NICCHIA CHIUSA
ICONOGRAFIA S. GIUSEPPE CON BAMBINO
TECNICA STATUA IN GESSO
DATAZIONE POSATA INIZIALMENTE TRA IL 1935 ED IL 1940 (LA CORTE RISALE AL 1934)
DIMENSIONI ALTEZZA STATUA 40 (NICCHIA 50×35). ALTEZZA DA TERRA 270.
AUTORE  
PROPRIETA’ PRIVATA (RESIDENTI DELLA CORTE)
ACCESSIBILITA’ SI, CON AUTORIZZAZIONE. ACCESSO DA CORTILE CHIUSO
STATO CONSERVAZIONE

BUONO

RIFERIMENTI FOTO
DESCRIZIONE Ubicazione

Sotto il portico della corte denominata “Curt di Malurìtt”, un edificio molto interessante realizzato nel 1934, a tre piani con un porticato che attualmente occupa solo due campate del piano terra ma che inizialmente era molto più esteso. La statua di S. Giuseppe in origine infatti era sulla prete di una zona porticata ora chiusa.

Siamo in Via S. Carlo, salendo da Via Petrarca a sinistra dopo la seconda curva e si accede alla corte (comunque chiusa con un cancello) da una piccola via che si diparte proprio dalla curva al civico 11.

Iconografia

Raffigurazione di S. Giuseppe con le sue caratteristiche classiche: da una parte Gesù Bambino e dall’altra il giglio, simbolo di purezza e di lotta al demonio (i Vangeli apocrifi parlano del simbolo della purezza di S. Giuseppe rappresentato con un giglio o con il bastone fiorito). In mano a Gesù il globo crucifero, simbolo del dominio di Cristo (la croce) sul mondo (il globo).

Indossa un vestito bianco ed un mantello marrone e verde all’interno mentre il Bambino Gesù ha una veste chiara come S. Giuseppe.

La nicchia, tondeggiante, è chiusa con un’antina in vetro e profilo in ferro. La nicchia precedente aveva uno sfondo blu con stelle ed una falsa cornice molto scura.

La Curt di Malurìtt è così chiamata perché più piccola e più in basso della Curt di Maloeur al civico 27 di Via S. Carlo. In questa corte,  in particolare nei locali sotto il portico, veniva lavorato il latte. Fu il primo lattaio (lacèe) di Rimoldo. Andavano a Milano e nei paesi circostanti a vendere i formaggini e furono i primi a fare degli accordi economici con la Cademartori, poi subentrarono i Galbusera che continuarono l’attività in forma industriale.