CAS 50 BEATA VERGINE DI SAN LUCA – CASATENOVO, località Cascina Gemella

CAS50-01
L’ingresso alla Cascina Gemella dove è collocata la formella della Beata Vergine di San Luca

CAS50-02
Primo piano della formella in ceramica con la riproduzione della Beata Vergine di San Luca
ID SCHEDA CAS 50
LOCALITA’ CASATENOVO
UBICAZIONE CASCINA GEMELLA
COLLOCAZIONE IN PROSSIMITA’ DELL’ARCO DI INGRESSO ALLA CASCINA
TIPOLOGIA BASSORILIEVO FISSATO AL MURO
ICONOGRAFIA BEATA VERGINE DI S. LUCA
TECNICA FORMELLA IN CERAMICA INVETRIATA
DATAZIONE
DIMENSIONI FORMELLA 40 x 35. ALTEZZA DA TERRA 250 CIRCA.
AUTORE
PROPRIETA’ PRIVATA (RESIDENTI DELLA CASCINA) 
ACCESSIBILITA’ SI. DALLA VIA PUBBLICA
STATO CONSERVAZIONE

BUONO.

RIFERIMENTI FOTO
DESCRIZIONE Ubicazione

Cascina Gemella è una delle cascine storiche di Casatenovo. Sulle sue pareti è riportata la data del 1859, presumibilmente quella della sua costruzione. Percorrendo Via S. Francesco in direzione Correzzana si prende la prima via a sinistra e la si percorre fino in fondo.

Iconografia

Raffigurazione della Beata Vergine di S. Luca, come sta scritto in appendice sotto la cornice: B.V. di S. LUCA.

Al viaggiatore attento che passa dalla Gemella, una cascina a corte un tempo ben visibile in mezzo ai campi lavorati oggi confusa tra costruzioni recenti, non sfugge di certo una nicchia ottagonale ad incastro collocata sulla parete esterna dell’edificio in prossimità del portico.

Si tratta della Madonna di S. Luca, come sta scritto sotto l’icona, in un’appendice floreale  B.V.DI S.LUCA. Una finta cornice ad arco marrone scuro evidenzia la Madonna col Bambino sullo sfondo verde della nicchia.

La Vergine, rappresentata frontalmente, a mezzobusto, con la mano destra mostra il Figlio che siede sulle sue ginocchia mentre lo sostiene allungando la sinistra; un mantello marrone con sfumature di giallo la copre interamente; una corona e un’aureola color giallo oro le ornano il capo; sotto il mantello è appena visibile un velo verde che fa anche da sottogola.

Il Bambino, già cresciuto, porta sul capo un’aureola ed una corona; ha i capelli color marrone chiaro; indossa un vestito blu con risvolto giallo sul petto; l’orlo marrone del collare sembra continuare sul petto con una croce;  ha i piedi nudi. Con la mano destra indica la Madre, con la sinistra sfiora la mano di Lei.

La Vergine e il Figlio hanno sopracciglia, ciglia e bocca ben marcate.

Il cielo sullo sfondo è formato da nuvole blu e si schiarisce in prossimità del capo delle due figure. La statua, in ceramica, è ben conservata. La datazione e l’autore sono sconosciuti.

La Beata Vergine di S. Luca è una riproduzione della celebre Madonna di S. Luca (attribuita all’apostolo) conservata nell’omonimo Santuario di Bologna ed è considerata da qualcuno la Madonna dei viaggiatori, anche per la posizione del braccio benedicente del Bambino.

E’ per questo che probabilmente è stata posta all’uscita del cortile della Gemella, forse per un saluto ed un viatico a chi, uscendo, stava per intraprendere un viaggio.

Quest’immagine la troviamo in quattro diverse località di Casatenovo: Corte Gardela, Poenzano, Cantino e Cascina Gemella. E tutte in prossimità dell’ingresso (o dell’uscita) delle Corti o Cascine.

La tecnica di realizzazione della formella ricorda quella dei “Della Robbia” di probabile provenienza toscana.