CAS 57 BEATO GIOBBE, IMMACOLATA E S. SEBASTIANO – CASATENOVO, località CROTTA

CAS57-01
L’edificio di Crotta completamente ristrutturato. Sotto il suo porticato il trittico con S. Sebastiano, Giobbe e l’Immacolata

CAS57-03
Il dipinto con le immagini di S. Sebastiano ed il Beato Giobbe con in mezzo la nicchia con la statua dell’Immacolata
ID SCHEDA CAS 57
LOCALITA’ CASATENOVO
UBICAZIONE VIA CROTTA 8
COLLOCAZIONE SOTTO IL PORTICO DELL’EDIFICIO PRINCIPALE DI CASCINA CROTTA
TIPOLOGIA AFFRESCHI E STATUA IN NICCHIA CHIUSA
ICONOGRAFIA S. SEBASTIANO E BEATO GIOBBE CON STATUA DELLA MADONNA IMMACOLATA
TECNICA PITTURA MURALE  PER I SANTI E STATUA IN GESSO PER LA MADONNA IMMACOLATA
DATAZIONE IGNOTA LA DATA DEL DIPINTO ORIGINARIO. RECENTE L’ATTUALE IN CONCOMITANZA CON LA RISTRUTTURAZIONE EDILIZIA
DIMENSIONI COMPOSIZIONE GLOBALE : 120×150. ALTEZZA DA TERRA 170. ALTEZZA STATUA 80.
AUTORE
PROPRIETA’ PRIVATA. (RESIDENTI)
ACCESSIBILITA’ SI’. CON AUTORIZZAZIONE. E’ IN CONDOMINIO CHIUSO CON CANCELLO.
STATO CONSERVAZIONE

BUONO.

RIFERIMENTI FOTO
DESCRIZIONE Ubicazione

In Via Crotta, all’interno di un edificio ristrutturato. Provenendo da Casatenovo e scendendo verso Campofiorenzo, alla prima rotonda si prende la strada a sinistra, Via Crotta, e la si percorre per qualche centinaio di metri. Alla sinistra, al civico 8, troviamo l’edificio che ospita questo trittico.

Iconografia

S. Sebastiano, Beato Giobbe e la statua della Madonna Immacolata.

Sotto il portico di quel che rimane di cascina Crotta, sta la statua di una Madonna con Giobbe e S. Sebastiano; questo trittico era “il cuore” della cascina prima che Crotta venisse in parte demolita, ristrutturata e completamente stravolta nella sua identità.

La Vergine è protetta, in una nicchia a sfondo azzurro, da un vetro con serramenti in legno color marrone chiaro.

Si tratta di una statua della Vergine Immacolata, tutta bianca per indicare la sua purezza, bianchi sono l’abito lungo, il velo, il viso , le mani  e persino il serpente da Lei calpestato. Dalle sue mani giunte in orazione, pende un rosario. La statua è in gesso; l’autore, forse per renderla più stabile, l’ha riempita di foglie che formano l’involucro delle pannocchie di mais.

La nicchia è inserita in un contesto pittorico formato da cornici e greche e, in alto, da altri elementi decorativi composti da intrecci di rami e foglie, dove dominano i colori verde e marrone.

A destra e a sinistra della Madonna, entro due false cornici ad arco color marrone , su uno sfondo azzurro, due affreschi rappresentano il Beato Giobbe e S. Sebastiano: figure molto importanti nella devozione contadina brianzola, perché il primo era considerato protettore dei bachi da seta, l’altro era invocato a protezione degli animali, soprattutto in occasione delle malattie infettive.

La figura a destra dovrebbe rappresentare Giobbe perché così era prima del restauro, ma del Giobbe originario sono spariti il letame su cui sedeva, le piaghe purulenti da cui uscivano i vermi, il viso e il corpo sofferenti. La restauratrice, molto probabilmente all’oscuro della tradizione religiosa riferita a Giobbe, ha abbellito l’immagine dipingendo un giovane robusto, a torso nudo, con un panno marrone legato in vita, seduto su sassi da cui spuntano cespugli e erbe; ha lunghi capelli e barba marrone; si appoggia ad un bastone ricurvo con la mano sinistra, tiene la destra sul petto; lo sguardo fiducioso e sorridente è rivolto verso la Vergine. Alle sue spalle, un tronco spoglio e con i rami tagliati sostituisce l’originario gelso.

A destra della Madonna è rappresentato S. Sebastiano in un contesto paesaggistico identico a quello di Giobbe.

S. Sebastiano è rappresentato molto giovane, con i capelli ricci fluenti sulle spalle, le mani legate dietro la schiena ad un albero secco e spoglio, il corpo trafitto da cinque frecce. Lo sguardo del Santo è rivolto verso i suoi aguzzini, quasi in un gesto di sfida.

Tutto il complesso è in buone condizioni perché recentemente restaurato.

Sono presenti segni di devozione: un altarino con tovaglia, vasi di fiori dentro e fuori la nicchia, una lampadina che viene accesa tutte le sere.