CAS 07 GROTTA DI LOURDES – CASATENOVO, località CASCINA VALLOGGIA

CAS07-01
L’abitato di Valloggia con la grotta della Madonna in bella evidenza

CAS07-02
La bella ed originale grotta voluta dalle sorelle Pirovano con la Madonna di Lourdes
ID SCHEDA CAS 07
LOCALITA’ CASATENOVO
UBICAZIONE VIA VERDI 19A, LOCALITA’ VALLOGGIA
COLLOCAZIONE ALL’ESTERNO DELLA PROPRIETA’, IN UNA NICCHIA NEL MURO
TIPOLOGIA STATUA IN NICCHIA APERTA
ICONOGRAFIA MADONNA DI LOURDES CON BERNADETTE
TECNICA STATUE IN CERAMICA E ALLESTIMENTO IN PIETRA
DATAZIONE 1973
DIMENSIONI ALTEZZA STATUA 20 (NICCHIA 50×60). ALTEZZA DA TERRA 100.
AUTORE
PROPRIETA’ PRIVATA. (SORELLE PIERA E GIUSEPPINA MOLTENI)
ACCESSIBILITA’ SI’, DA VIA VERDI
STATO CONSERVAZIONE

BUONO.

RIFERIMENTI FOTO
DESCRIZIONE Ubicazione

In Via Verdi 19, in località Valloggia.

Dal centro di Casatenovo, poco dopo l’ipermercato della Cooperativa Lavoratori della Brianza si prende la strada a destra, piuttosto stretta; si percorre obbligatoriamente una curva a gomito e subito dopo a sinistra si entra nell’abitato di Valloggia dove al civico 19 si trova la nostra grotta.

Iconografia

Raffigurazione della Madonna di Lourdes.

A Valloggia, i segni di devozione del passato sono spariti, così come la fisionomia stessa della cascina; un privato, però, ristrutturando la sua casa, ha costruito sul muro esterno una piccola grotta della Madonna di Lourdes. Le statuine della Vergine e di Bernadette sono in ceramica.

La Madonna è rappresentata nella sua iconografia tradizionale, con una veste bianca ed un grande mantello bianco bordato d’oro, una larga e lunga cintura azzurra. Le mani giunte con una corona del rosario con una croce che pende dal suo braccio. Sui suoi piedi due rose e sui sassi sono dipinti dei rami con foglie verdi. Bernadette è in ginocchio, con le mani giunte e lo sguardo rivolto verso di Lei, indossa un velo bianco, un vestito blu e un grembiule azzurro.

La nicchia è stata realizzata nel muro lasciando in vista alcuni sassi quasi a volerla sembrare una piccola grotta. Alla base un piccolo altarino rivestito in pietra impreziosisce la composizione, completato da una tovaglietta ricamata.

Sono presenti molti segni di devozione: fiori, ceri, una corona di fiori finti.

Alla destra della grotta sta scritta una preghiera; c’è il nome di chi ha voluto la grotta stessa con la data di costruzione: “Ogni volta che passerete davanti a questa grotta rivolgete una preghiera alla Vergine Maria, perché la preghiera è il respiro dell’anima. Chi confida nella Madonna non sarà mai deluso. Fam. Molteni-Beretta, giovedì 8.11.1973.”