CAS 05 CROCEFISSO E MADONNINA- CASATENOVO, Piazza Sala (Centro Sociale Colombina)

CAS05-01
Una vista del simbolo del Centro Sociale La Colombina creato negli anni 80

CAS05-02
Pennati Federico, anima del Centro Sociale, accanto al Crocefisso ed alla Madonna.

CAS05-03
Il Crocefisso e la Madonna su un grande masso erratico posato dall’Impresa Casiraghi.
ID SCHEDA CAS 05
LOCALITA’ CASATENOVO
UBICAZIONE PIAZZA SALA, C/O CENTRO SOCIALE COLOMBINA
COLLOCAZIONE IN AREA ESTERNA
TIPOLOGIA MASSO ERRATICO CON CROCEFISSO E MADONNINA
ICONOGRAFIA CRISTO IN CROCE E MADONNA IN CONTEMPLAZIONE
TECNICA CROCEFISSO IN LEGNO FISSATO AD UN MASSO ERRATICO IN UNA AMBIENTAZIONE MONTANA CON SASSI E VEGETAZIONE
DATAZIONE 1984/1985
DIMENSIONI INGOMBRO SUPPORTO CROCE 60×120. MADONNINA CIRCA 25.
AUTORE ASSOCIAZIONE LA COLOMBINA
PROPRIETA’ ASSOCIAZIONE LA COLOMBINA
ACCESSIBILITA’ SI’, DA PIAZZA SALA O DA VIA LEONE XIII
STATO CONSERVAZIONE

BUONO

RIFERIMENTI FOTO
DESCRIZIONE Ubicazione

In Piazza Sala, scendendo da Via Leone XIII, all’interno dell’area in cui si svolgono le attività dell’Associazione La Colombina nell’omonimo Centro Sociale.

Iconografia

Crocefisso e Cristo di legno su supporto in ferro e piccola immagine della Madonna in contemplazione in un contesto ben studiato, realizzato e manutenuto che richiama un ambiente montano con massi, piante sempreverdi, un piccolo laghetto, recinzione in legno, ecc.

La storia nel racconto di Federico Pennati

Siamo agli inizi degli anni 80. Questo quartiere era piuttosto mal messo e complicato. La presenza di diversi interventi IACP aveva creato diversi problemi.

L’area di cui parliamo era depressa e utilizzata sostanzialmente come discarica a cielo libero.La prima spinta per fare questa realizzazione ci venne dall’Impresa Casiraghi che ai tempi lavorava per la Vismara. Aveva a disposizione questo grande masso erratico e voleva valorizzarlo. Chiese a noi se avevamo qualche idea in proposito.

Noi eravamo in trattativa con il Comune per avere tutta l’area in comodato d’uso e farne un punto di riferimento per il quartiere. Prendemmo l’occasione al volo e posammo il masso, sempre con l’aiuto di Casiraghi nel punto dove ancora oggi si trova.

E divenne alla fine l’emblema della Colombina. Si può dire che la Colombina nacque con la posa di questo grande sasso-simbolo.

L’idea realizzativa di tutta l’ambientazione nasce però dopo un viaggio ad Assisi ed in Umbria. Vedemmo una cosa simile e tornammo decisi a farlo anche noi. Fu molto complicato, ci vollero mezzi (diversi autocarri di sassi), tempo e grande volontà ma alla fine il risultato ci ripagò, grazie anche l’aiuto del fiorista Pennati. Tutto il lavoro durò circa sei mesi. La staccionata è opera di Adriano che, a tutti i costi, la volle così come la vediamo ora ed ebbe ragione.

Nel frattempo divenne molto “amico” della nostra Associazione Don Fermo Mantegazza, un sacerdote “storico” della Parrocchia casatese che prese particolarmente a cuore le sorti di tutto il quartiere manifestando persino la volontà di poterci venire a vivere, cosa che però non gli riuscì. Ogni settimana, il mercoledì, era comunque solito passare diverse ore in compagnia dei giovani presenti quasi a fare educazione di strada.

Durante questo periodo ci convinse a mettere un simbolo religioso sul sasso posato. Ci regalò lui la croce di legno recuperandola da qualche parte mentre il Cristo di legno ci fu donato da Enrico Colombo, che allora molto giovane stava iniziando i primi passi per diventare piccolo fratello. Studiava a Bologna ed il Cristo, un’immagine molto particolare, vien da lì.

Vollero la Madonna in particolare le nostre donne. Anche questa, comunque, la prese Don Fermo in uno dei suoi viaggi.

La devozione verso questo luogo resiste ancora oggi. Senza stabilire regole o turni, un lume è sempre acceso e non manca mai la cura delle piante e dei fiori, in particolare effettuata da Tina (moglie di Federico).

(Racconto di Federico Pennati, attuale vice-presidente dell’Associazione e responsabile organizzativo, presente da sempre alla Colombina e vera anima di tutto il gruppo)